Auto perde targa: cosa fare?

z645687Nel caso in cui la targa della propria auto sia stata smarrita, rubata, o andata distrutta in un incidente, occorre innanzitutto che l’intestatario del libretto di circolazione denunci entro 48 ore alle Autorità (Polizia o Carabinieri) l’accaduto e si faccia rilasciare una copia della denuncia.

In caso di targa smarrita o rubata, soltanto dopo che siano passati 15 giorni dall’evento senza che la targa (o le targhe) sia stata rinvenuta, ci si può recare alla Motorizzazione Civile per effettuare una re-immatricolazione del veicolo. In caso di distruzione di una o entrambe le targhe, si può invece procedere senza alcun indugio alla presentazione della suddetta richiesta di re-immatricolazione.

Nel frattempo, come previsto dall’art. 102 del Codice della Strada, è possibile circolare liberamente con la propria auto apponendovi, al posto e nella stessa posizione della targa originale interessata dallo smarrimento, furto o distruzione, un pannello a fondo bianco con sopra riportate le stesse informazioni della targa originaria, avendo cura di usare le stesse dimensioni e gli stessi caratteri.

Chi circola con il pannello appena descritto senza aver richiesto la re-immatricolazione del veicolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335. Ricordiamo che, invece, chi circola con targa non chiaramente e integralmente leggibile è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 41 a euro 168.

Pertanto, circolare senza targa o con un’auto munita di targa irregolare perché rovinata o anche soltanto sporca comporta sanzioni relativamente lievi, dovute al fatto che gli altri automobilisti e le Forze di Polizia non potrebbero identificare il veicolo, il che potrebbe rendersi necessario, ad es., nel caso di un incidente. Ciò è tanto più vero se al veicolo mancano entrambe le targhe.

Ben più gravi sono invece le conseguenze se si tenta di impedire l’identificazione del proprio mezzo attraverso la contraffazione della targa. In tal caso, infatti, la sanzione amministrativa va da 1.988 euro a un massimo di 7.953 euro. Circolare senza targa o con targa non propria o contraffatta comporta anche l’applicazione della sanzione accessoria del fermo del veicolo per tre mesi.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *