Black box auto: come funziona?

z986747La scatola nera, o “black box” è un dispositivo satellitare che misura i vari aspetti di come, quando e dove si guida. Quando si acquista l’assicurazione RCA basata sulla scatola nera, infatti, vengono raccolte da una “intelligente” nascosta nell’auto molte informazioni. Ma come funziona la scatola nera per le auto?

La scheda SIM contenuta all’interno della scatola fa sì che essa funzioni un po’ come il vostro cellulare: invia le informazioni alla compagnia di assicurazione e le permette di analizzare i dati. Spesso viene fornita una sintesi delle informazioni raccolte dalla propria scatola nera in una pagina personalizzata accessibile via Internet, che si può guardare periodicamente per vedere come si sta guidando.

Dentro la scatola nera  ci sono 4 elementi principali: un sistema GPS, che ci dice dove e quando si guida, e il tipo di strada che state percorrendo; un sensore di movimento (o accelerometro), che fornisce informazioni circa l’impatto sulla vettura (questo potrebbe essere prodotto da una brusca frenata o da una collisione); una SIM card, che invia l’informazione al database dell’assicurazione; un software per computer, che controlla come le informazioni vengono analizzate e trasmesse.

Le informazioni che la scatola registra sono numerose.  I dati da una black box sono infatti: l’ora del giorno o della notte alla quale si guida; la velocità alla quale si guida in su diversi tipi di strade; se si frena o accelera bruscamente; se ci si prende delle pause durante i lunghi viaggi; i chilometri percorsi le in autostrada; il chilometraggio totale; il numero totale di viaggi che si fanno. Questa tecnologia è stata introdotta per ridurre il costo dell’assicurazione e rendere le strade più sicure.

Le informazioni raccolte attraverso la black box possono quindi essere utilizzate per: valutare il rischio di assicurazione auto; aiutare a calcolare il costo del vostro premio di rinnovo; dare agli automobilisti sicuri dei bonus ogni mese; aiutare l’automobilista se si la scatola nera segnala un incidente; tenere traccia della posizione della vostra auto in caso di furto; gestire il vostro reclamo dopo un incidente; avere una migliore visione di un incidente per aiutare a recuperare i soldi dal responsabile.

Le scatole nere – tecnicamente chiamate “registratore di dati di evento” – sono talvolta altamente integrate nei sistemi di controllo elettronico delle macchine che controllano, e molte sono installate addirittura nelle unità di controllo degli airbag, per cui l’idea di scollegarle o di spegnerle in modo semplice in generale non è un’opzione praticabile. Anzi, a volte può essere difficile anche soltanto verificare in poco tempo se un veicolo abbia o meno una scatola nera a bordo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *