Come si mettono i cavi della batteria

z876389Vi è capitato di trovare la batteria dell’auto “morta”, e siete in ritardo. Poco male: se avete i cavi per collegare per qualche minuto la vostra batteria a quella di un’altra auto, potete partire e raggiungere subito un meccanico o un elettrauto per sostituire la batteria ormai compromessa con una nuova, eventualmente acquistata online (ad esempio qui).

Ogni uomo dovrebbe sapere come avviare l’auto quando la batteria dell’auto è morta. Non si sa mai quando avrete bisogno di questa conoscenza per aiutare voi stessi o un’altra persona in difficoltà. Anche se avviare un’auto con i cavi è semplice, ci sono molte persone che non hanno idea di come farlo. E anche lo si è imparato a fare, può essere facile dimenticare dove vanno i cavi. Positivo sul negativo o positivo sul positivo? Ed Il cavo rosso è il positivo o il negativo?

Prima di provare ad avviare l’auto con i cavi, occorre accertarsi che sia la batteria scarica la causa del mancato avvio della macchina. Se si attiva l’accensione e si sente il l’avviamento del motore, certamente il vostro problema non è la batteria scarica. Tuttavia, se si gira la chiave e la macchina non fa assolutamente nulla, c’è una buona probabilità di avere una batteria morta.

Ecco le istruzioni complete per l’avviamento di un auto con cavi. Ovviamente, è altamente consigliabile portare sempre con sé i cavi in auto, dato che non si sa mai quando se ne avrà bisogno:

Assicuratevi che entrambe le vetture siano spente e che le relative batterie non siano troppo distanti fra loro in modo da permettere un comodo collegamento, dato che i cavi non sono lunghissimi. Scollegate anche eventuali dispositivi collegati all’accendisigari per proteggerli da sbalzi di tensione.

Controlla visivamente che entrambe le batterie non abbiano danni, rotture o perdite di liquido. Se notate uno di questi problemi fermatevi immediatamente. Chiamate a quel punto un carroattrezzi e non tentate di avviare la macchina o di collegare i cavi della batteria.

Se invece è tutto ok, collegate una estremità del cavo rosso (positivo) al terminale positivo della batteria morta, che è sempre identificato dal simbolo “+”, che vuol dire, appunto, positivo. Le pinze di questi cavi sono progettate per ancorarsi saldamente al metallo morbido dei poli della batteria.

Collegate poi l’altra estremità del medesimo cavo rosso al terminale positivo della batteria buona, cioè del veicolo che vi è venuto in aiuto. Anche questo terminale è identificato, ovviamente, dal simbolo “+”.

Collegate un’estremità del cavo nero (negativo) al terminale negativo della batteria carica, quindi non della vostra, che è identificato dal simbolo  “-“. Ricordatevi che è importante l’ordine con cui attaccate le pinze ai quattro terminali, quindi seguite queste istruzioni scrupolosamente.

Collegate a questo punto l’altra estremità del cavo nero a un solido pezzo di metallo della scocca o del motore della macchina in panne, ovvero a una superficie metallica pulita, non verniciata, posta sotto il cofano della vettura che non parte.

Non collegate al terminale negativo della batteria morta, a meno che non si vogliano vedere delle scintille e una possibile esplosione. Inoltre, non collegate le due batterie incrociando i poli, ovvero collegando il polo positivo di una batteria con il polo negativo dell’altra, poiché causereste dei seri danni all’impianto elettrico.

Avviate la macchina che sta aiutandovi e fate girare il motore per 2 o 3 minuti prima di iniziare ad avviare l’auto in panne. Dopodiché rimuovete i cavi in ordine inverso a come li avete collegati e tenete la macchina in panne in funzione per almeno 30 minuti per dare il tempo della batteria di ricaricarsi, oppure dirigetevi direttamente dal meccanico assicurandovi di non far spegnere il motore.

Sappiate che una batteria scarica può rilasciare del gas idrogeno che è molto infiammabile. Pertanto, durante la procedura di collegamento delle batterie, è sempre bene collegare i cavi prima alla batteria in panne per evitare di generare delle scintille pericolose.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *