Comprare auto da privato o concessionario?

z986460L’acquisto da privati è semplicemente un acquisto “come è”. Quando si acquista privatamente, in altre parole, si sta acquistando una macchina esattamente come la vedete.

Pertanto, gli eventuali problemi della vettura diventano i vostri problemi. Quando qualcuno è in procinto di vendere la propria auto, comunque, di solito è perché vuole acquistarne un’altra o perché il venditore non si accontenta dell’assegno che il rivenditore è disposto a firmare per il vecchio veicolo. Qui di seguito ci sono alcuni fattori di rischio di quando si acquista l’auto da privati.

Vi è anche il rischio che siano stati registrati dei gravami sul veicolo. Eventuali gravami registrati contro il veicolo sarebbero allora responsabilità del nuovo proprietario, che dovrebbe pagare il pegno o affrontare il recupero del veicolo da parte del titolare del privilegio. Per non parlare del fatto che il veicolo potrebbe avere avuto in precedenza dei danni in un incidente, e l’acquirente avrebbe poca o nessuna possibilità di fare ricorso nei confronti del venditore qualora li scoprisse.

In compenso, l’acquisto da un privato offre molte buone occasioni. Questo non significa però che non si debbano tenere gli occhi sempre ben aperti, in quanto vi sono una discreta quantità di truffe. La domanda n°1 è scoprire il motivo per cui un acquirente vende l’auto e avere fiducia nella risposta del venditori. Esempi di buone risposte sono: “sto lasciando il paese”, “in pensione non posso più guidare”, “sto per ottenere una vettura aziendale”, “non ho bisogno più di un secondo veicolo”, etc.

Quando i consumatori acquistano un veicolo da un rivenditore registrato, sono invece molto più protetti. Ad es., i concessionari devono garantire che non ci siano vincoli sul veicolo, devono usare atti di cessione che rispettano la legge, e sono tenuti a segnalare tutti i fatti noti relativi al veicolo.

I concessionari offrono inoltre una garanzia legale di conformità di 24 mesi, tuttavia, per i beni usati,la legge prevede che, con l’accordo delle parti, possa essere ridotta a 12 mesi. La garanzia non può essere  limitata o negata, e laddove nel contratto di vendita fossero inserite clausole simili risulterebbero nulle. Tale garanzia è applicabile solo alle vendite tra professionista e consumatore, non si applica alle vendite tra consumatori, ovvero quando si acquista da un privato.

Sembra quindi che il modo sicuro per comprare sia da un concessionario o da un rivenditore, ma non sono tutti angeli e conoscono ogni trucco per avere il sopravvento. Ci sono centinaia di truffe perpetrate da alcuni concessionari, che vanno dalla manipolazione del contachilometri al non segnalare dei fatti noti riguardanti il veicolo. Perciò, l’unica vera difesa del consumatore è la conoscenza.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *