Quale auto posso permettermi?

z987448Trovare l’auto dei propri sogni non è facile. Naturalmente tutti noi possiamo ‘volere’ un auto da sogno, ma possiamo davvero avere accesso a quella macchina in questo momento? Forse sì, forse no. Ciò che determinerà la risposta sono i nostri risparmi attuali e il flusso di reddito.

Quando dite alla banca o al concessionario auto che lavoro fate e quanto guadagnate, c’è una ragione per questo: la ragione è il denaro. Le persone non diventano ricche dando la loro ricchezza via, diventano ricche perché sanno chi e che cosa farà ‘fare’ loro soldi, altrimenti non ci sarebbero nemmeno auto da guidare, e le banche non presterebbero denaro ai propri clienti.

Se si dispone di un lavoro – uno che si è sicuri di avere fino alla fine dei pagamenti, o almeno si sa di poter trovare un lavoro migliore fino ad allora – allora dovrebbe essere facile trovare una pletora di opzioni. Il segreto per l’acquisizione di una nuova auto, prima di tutto, è sapere che si ha intenzione di fare un investimento e, in secondo luogo, spendere di meno di quello che si guadagna.

Nel caso di una nuova auto, è necessario determinare a quale livello di ‘frugalità’ si è disposti a vivere o si è in realtà in grado di vivere. La maggior parte delle persone oggi hanno spese per l’alloggio che sono pari o addirittura superiori a quelle che effettivamente possono permettersi. Se il flusso di reddito è uguale o addirittura inferiore a quello che si spende, è necessario determinare se l’acquisto di una macchina nuova possa davvero valere il sacrificio di “stringere un po’ la cinghia”.

Se, per esempio, una persona sta guadagnando abbastanza soldi per vivere e abbastanza soldi per andare al cinema e far festa per tutto il fine settimana, ma proprio prima di ogni pagamento è costretta a controllare se va in scoperto, qualcosa deve essere messo da parte per evitare problemi. Questa è la prima e più importante chiave per l’acquisto di una nuova auto: il budget.

Se una persona vuole una Lamborghini, ma ha un salario minimo, prima ha bisogno di raggiungere la capacità di spesa necessaria. Una Lamborghini sarebbe troppo costosa per chi prende ‘solo’ il salario minimo. Tuttavia, per quanto incredibile possa sembrare, niente è ‘completamente’ impossibile. Chi sa amministrare la sua ricchezza può ‘farla crescere’ nel tempo attraverso investimenti adeguati.

Un’automobile di qualità ben tenuta può essere un ottimo investimento. Questa è la ragione principale per ‘mercanteggiare’ il prezzo di acquisto. Il concessionario ha sempre un ‘intervallo accettabile di profitto’ e tale intervallo deve essere noto a un eventuale intermediario per essere corretto sia con il venditore sia con la persona che acquista la vettura. Ogni prodotto sul mercato ha un ‘costo di produzione’ originale e un predeterminato ‘margine di profitto’ per l’industriale che la produce e il rivenditore di auto.

Il lavoro del commerciante, tuttavia, non è solo quello di trovare persone per vendere una macchina, ma di venderlo per quanto più la gente può pagarla. Mercanteggiare significa scoprire l’assoluto ‘intervallo minimo di margine di profitto accettabile’, sia per il concessionario che per il venditore.

Naturalmente, una volta che compriamo una macchina, il suo valore va subito giù. Ma se siamo in grado di comprare una bella automobile ad un ‘prezzo onorevole,’ venderla o scambiarla in qualcosa di un po’ più confortevole nel giro di due anni ad un prezzo altrettanto onorevole, non sarà difficile, finché non siamo effettivamente in grado di acquistare la nostra macchina ‘da sogno’.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *