Quanto costa multa autovelox?

z986335L’importo della multa per eccesso di velocità rilevato da un autovelox è regolato dall’art. 142 del Codice della Strada, che per un eccesso di velocità fino a 10 km/h prevede una sanzione pecuniaria che varia, in base alla gravità dell’infrazione, da un minimo di 30 euro a un massimo di 159 euro.

Se invece l’eccesso di velocità è compreso fra 10 km/h e 40 km/h, la multa può variare da un minimo di 159 euro a un massimo di 639 euro, cui si aggiunge la decurtazione di 3 punti dalla patente. Se invece l’eccesso di velocità è compreso fra i 40 ed i 60 km/h, la multa è compresa fra i 500 ed i 2.000 euro, più la decurtazione di 6 punti della patente. Oltre i 60 km/h in eccesso, la sanzione varia da 779 euro a 3.119 euro, più 10 punti della patente e revoca della patente da 6 a 12 mesi.

Sulle autostrade italiane il limite di velocità è di 130 km/h, che se le condizioni atmosferiche non sono buone scende a 110 km/h e nel caso di nebbia (visibilità minore di 100 metri e presenza del segnale di limite velocità massimo accanto al segnale classico) a 50 km/h. Le strade extraurbane principali (come ad es. le superstrade e le tangenziali delle grandi città italiane) hanno il limite a 110 km/h, quelle extraurbane secondarie a 90 km/h, mentre Il limite di velocità sulle strade urbane è di 50 km/h.

L’autovelox è un dispositivo elettronico dotato di due fotocellule e di altrettanti fasci laser. Quando un’auto attraversa il primo fascio laser (come rilevato dalla prima fotocellula), scatta un timer che si interrompe quando l’auto attraversa il secondo fascio laser (attraversamento rilevato dalla seconda fotocellula). Conoscendo la distanza fra le due diverse posizioni del veicolo al momento delle due misure e il tempo intercorso fra esse, il sistema calcola la velocità dell’auto. Se quest’ultima risulta superiore a quella consentita, scatta una foto alla targa del veicolo.

Gli autovelox esistono in postazioni fisse e mobili, e su Internet esistono siti web che segnalano dove sono ubicati quelli fissi. Gli autovelox, tuttavia, non vanno confusi con i telelaser, un sistema di misurazione della velocità basato su un laser ad alta frequenza che viene puntati verso un veicolo e, grazie alla variazione di frequenza subita dal fascio per effetto Doppler (e rilevata tramite un sensore ottico che riceve la radiazione riflessa dal veicolo), permette di calcolare la velocità, che è legata alla variazione di frequenza.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *